Ecco a voi i nostri “Modello Giuditta”!

Alcuni soci e amici ci hanno fatto avere le loro foto con la t-shirt che hanno ricevuto. A noi sembrano bellissimi tutti quanti! Se avete ricevuto una maglietta e volete essere inseriti nella gallery mandate una vostra foto a ateliermanilio@gmail.com, aggiorneremo questo post con ogni nuova immagine che riceveremo.

Se invece siete ancora in attesa di ricevere le stampe fotografiche, vi preghiamo di portare pazienza… la nostra galleria su Flickr è cresciuta, prima dell’estate raccoglieremo le vostre scelte definitive e porvvederemo a stampare e distribuire tutte le ricompense.

Infine un pensiero speciale lo rivolgiamo a chi domani parteciperà alla seconda edizione della “Passeggiata con Manilio” organizzata dai nostri soci Marcello e Mattia. Anche se non potremo esserci tutti, l’Atelier Manilio sarà presente al completo con il pensiero!

modello_giuditta

Modello Giuditta (Roberto Benigni in “Piccolo Diavolo” – 1998)

 

 

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Buon 2014!

L’Atelier Manilio augura a tutti i suoi sostenitori un felice anno nuovo!

barbuto pollino

Scusate la latitanza, vi promettiamo però che con l’anno nuovo riprenderà la nostra attività e la Befana porterà le magliette a tutti coloro che ne hanno fatto richiesta. L’archivio provvisorio su Flickr è in costruzione.

Vi terremo aggiornati…

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

Nuovo video. Vi raccontiamo la storia di alcune foto.

La chiusura della campagna su Verkami e il lavoro burocratico-amministrativo che ne è derivato hanno comportato un ritardo nella pubblicazione di questo post che era programmata per la settimana scorsa.

Lo pubblichiamo oggi. Dedicato a tutti i nostri sostenitori.

L’ultimo video che abbiamo pubblicato su YouTube è un montaggio di fotografie astratte realizzato da noi. Le immagini utilizzate hanno origine differente. Non solo appartengono ad “epoche” diverse, ma è il contesto stesso della gestazione delle varie serie di foto a cambiare in modo sostanziale caso per caso.

Agostino Di Scipio ci ha aiutati nel complicato compito di ricostruire la storia di una parte di queste immagini.

“Come sapete – ci scrive in un’email di qualche giorno fa – non poche di queste foto sono state scattate in rapporto a determinati progetti, tra cui alcuni legati alla collaborazione tra me e Manilio. Alcune furono perfino scattate a casa mia! usando l’arpa di mia moglie Maria. Manilio scattava, io e Maria operavamo sulle corde e con del borotalco…” Ed è questo il caso delle prime 5 immagini del video (0:02 – 0:22), della 15esima e della 16esima (0:54 – 1:01), tutte tratte dalla serie “Vibrazioni”, una selezione delle quali è visibile sul sito manilio.eu a questo link.

Le foto con le corde dell’arpa di Maria furono fatte per uno spettacolo che si chiamava Tetractys, presentato al festival Corpi del suono (L’Aquila, in vari ambienti esterni e interni di Palazzo Dragonetti, 29 Agosto 1997), con musiche di autori internazionali (Iannis Xenakis, Micheal Hamman, Carla Scaletti e Arthur Kampela)” ci racconta ancora Agostino. Per questo spettacolo, ideato dallo stesso Di Scipio, Manilio aveva realizzato quattro serie di fotografie su diversi temi: le vibrazioni, i numeri, la geometria, il sole. 

Solo la prima serie è stata parzialmente digitalizzata, per vedere le altre tre sarà necessario attendere la realizzazione dell’archivio digitale, ad eccezione di una singola foto di un sole che è presente sul sito associata alle informazioni relative a “Tetractys”.

manilio1_inv

Manilio fotografa le corde dell’arpa di Maria  [Foto di A. Di Scipio]

“C’era anche lo zampino di Ignazio, che mi aiutò a realizzare un complicatissimo meccanismo di sincronizzazione (fra un 8-tracce audio digitale e 4 coppie di diaproiettori di Manilio, ciascuna coppia proiettava su uno schermo a parte). Dopo due nottate di lavoro, al concerto non funzionò bene e facemmo tutta la sincronizzazione a mano!!!”

“Durante il concerto io e Manilio - ricorda Ignazio – gestivamo una consolle di interruttori, ridicolo, ma facemmo tutto alla perfezione.  Anche Michelangelo [Lupone], consultato, non riuscì a salvarci dal problema tecnico, terminando con un’espressione del viso particolare…” 

“Ignazio ha ragione, - conferma Agostino - cercò anche Michelangelo di aiutarci con la sincronizzazione, ma senza riuscirci. Però ci fu d’aiuto sul “fronte esecutivo” di Tetracys. I punti di ascolto e di proiezione erano in stanze diverse, separate tra loro, e noi (io al mixer, Manilio e Ignazio col trabiccolo di sincronizzazzione) facevamo tutto in una loggetta nel cortile, cioè “al buio” rispetto a quello che si vedeva e ascoltava nelle stanze… durante lo spettacolo, Lupone girava tra il pubblico di stanza in stanza (il pubblico era comunque un pubblico “vagante”, era uno spettacolo / installazione acentrico), e faceva “la spia”, cioè con un radiomicrofono mi dava indicazioni circa correzioni di volume nelle varie stanze ed eventuali problemi di sincronia con le immagini.”

Anche le foto dalla sesta alla 14esima (0:23 – 0:53) appartengono alla serie “Vibrazioni” ma a vibrare sono altri oggetti, anziché le corde dell’arpa di Maria di Giulio. Si tratta di scatti che Manilio realizzò in casa propria, sulla scia del lavoro intrapreso con Agostino e Maria, volendo sperimentare ulteriormente. Una parte di queste immagini è stata poi impiegata per il balletto “Contrabassi“, di Silvia Ceccangeli (Estate Fiesolana, Fiesole, 9 Settembre 2000).

L’origine della 17esima e 18esima immagine (1:01 – 1:07) resta abbastanza misteriosa, sappiamo solo che queste due diapositive sono state digitalizzate insieme al resto della serie, quindi possiamo supporre si tratti ancora di vibrazioni.

Le immagini successive, dalla 19 alla 30 (1:08 – 1:48), hanno in un certo senso una genesi più complessa. Realizzati per l’installazione multimediale “Interactive Light Mobiles n. 5” (Poetronics VIII, L’Aquila, 8 – 14 dicembre 2002, poi replicato presso la Galleria GARD di Roma nel 2004), questi scatti hanno per oggetto immagini appartenenti al ciclo “Iris Lumen” proiettate mediante uno o più diaproiettori a cui sono stati sovrapposti, sempre mediante diaproiezione, frammenti di testi del poeta Andrea Zanzotto tratti dalla sua opera del 1983 “Fosfeni“.

Le immagini dalla 31esima alla 40esima (1:48 – 2:31) sono state realizzate per lo spettacolo “TEMPEST – intermezzo da Shakespeare” per le musiche di Cluadio Lugo e la coreografia di Alessandra Petitti (Napoli, Teatro di Corte di Palazzo Reale – 8 maggio 2004).

Le fotografie da qui in avanti non sono invece mai state in multivisioni o spettacoli ed appartengono tutte, tranne le ultime due, alla prima serie del ciclo “Rifrangenze“.

L’ultima e la penultima (3:25 – 3:34) possono essere invece ricondotte al ciclo “Luminescenze”, ma non appartengono né alla serie in bianco e nero né a quella rossa rappresentate sul sito.

________________________________________________________

Agostino Di Scipio (Napoli, 1962) è autore di composizioni elettroacustiche, di installazioni sonore, e di partiture per strumenti e sistemi digitali di elaborazione del suono. Alcuni suoi lavori esplorano tecniche non convenzionali di sintesi ed elaborazione del suono, spesso in analogia con fenomeni di rumore e turbolenza. Altri si concentrano sull’interazione “uomo-macchina-ambiente”. Di Scipio è professore in ruolo di Musica Elettronica al Conservatorio di Napoli.

________________________________________________________

Michelangelo Lupone (Solopaca, 1953), docente e direttore del Dipartimento di Musica e Nuove Tecnologie del Conservatorio de L’Aquila, direttore artistico del CRM – Centro Ricerche Musicali di Roma, è socio fondatore e collaboratore dell’Istituto Gramma de L’Aquila, l’ente organizzatore di Corpi del Suono, il contenitore-festival per il quale Di Scipio ideò Tetractys

Pubblicato in "Atelier Manilio", Immagini, video | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Missione compiuta

Congratulazioni, mecentati! Ce l’abbiamo fatta!
Presto ci metteremo in contatto con voi perché possiate scegliere il vostro regalo.

Pubblicato in "Atelier Manilio", Campagna online, progetto archivio | Lascia un commento

Sabato 28 settembre – Visita guidata agli scavi di Ostia Antica

Domenica 22 settembre i docenti dell’Università Civica di Nettuno dei corsi di archeologia e escursionismo, Daniela Gabarrini e Mattia Prignano, hanno organizzato una giornata speciale per sostenere raccolta fondi attivata dall’associazione culturale Atelier Manilio per finanziare la digitalizzazione e pubblicazione sul web del patrimonio di immagini realizzate da Manilio Prignano.

Pubblichiamo di seguito due brevi scritti degli organizzatori sulla giornata di domenica ed una piccola photogallery.

Siamo inoltre ben felici di informarvi della prossima iniziativa.  Sabato 28 settembre l’archeologa Daniela Gabarrini organizzerà, in collaborazione con Atelier Manilio, un’altra visita guidata, questa volta agli scavi di Ostia Antica.  In occasione della giornata del Patrimonio Europeo l’ingresso sarà gratuito (parcheggio a pagamento circa € 2,50 a macchina), mentre il contributo di € 10,00 confluirà interamente nella nostra raccolta fondi che si chiuderà il giorno seguente, domenica 29 settembre.

La visita è aperta a chiunque voglia partecipare. Si raccomandano scarpe comode, acqua, cappellino.

Appuntamento ore 7:50 parcheggio Centro Commerciale “Le Vele” a Nettuno o ore 9:00 al parcheggio degli scavi di Ostia Antica.

Si prega di confermare l’adesione telefonicamente o per e-mail. La visita avrà luogo solo nel caso in cui si raggiunga un minimo di 20 adesioni.

Daniela Gabarrini – tel. 3395722296 – daniela.gabarrini@tiscali.it

Atelier Manilio – tel. 3334222310 – ateliermanilio@gmail.com

Da parte di tutto l’Atelier Manilio ringraziamo calorosamente la generosissima e davvero preziosa collaborazione di Daniela Gabarrini.

================================================================

Domenica 22 Settembre – tempo sereno – solito appuntamento per gli escursionisti dell’Università Civica, ci incontriamo con i partecipanti del corso di Archeologia. Siamo a Nettuno e tutti si conoscono. Forse accomunati dal disinteresse per il derby e dall’interesse per il mondo, in un clima gioviale partiamo alla volta del museo Archeologico di Sperlonga e della Villa di Tiberio. Siamo circa in 50, l’atmosfera è quella di una gita scolastica. La visita è piacevole, le parole di Daniela coinvolgono i partecipanti dandogli la possibilità di osservare la villa con gli occhi di un Archeologo. Dopo la visita al museo facciamo tappa ad un ristoro sulla spiaggia di Sant’Agostino, e dopo un frugale pasto a base di mozzarella di bufala, ripartiamo per la discesa delle Scissure. Attraversiamo la spiaggia dell’Arenauta, sotto monumentali falesie e fra bizzarri nudisti che compongono la “fauna autoctona”. Dopo un piacevole bagno visitiamo la grotta dell’Arenauta che si apre al di sopra delle dune nella falesia. Qualcuno arrampica nella grotta, qualcuno osserva ed applaude le gesta degli arrampicatori. Al ritorno alle macchine ci aspetta una felice sorpresa. Un carrubo gonfio di dolcissimi frutti maturi!

Mattia Prignano

================================================================

Frammenti di un passato antico, rocce tormentate, vegetazione mediterranea, riflessi, particolari. Forse Manilio avrebbe scattato qualche foto…
Domenica 22 settembre l’Atelier Manilio ha organizzato una giornata speciale, nell’ambito della raccolta fondi per raggiungere la quota che consentirà di digitalizzare e sistemare il patrimonio di immagini realizzate da Manilio.
Circa 50 persone hanno visitato il Museo Archeologico di Sperlonga, una struttura dei primi anni ’60, luminosa, annidata in mezzo ai carrubi e agli ulivi; più simile ad una splendida villa che a un contenitore di reperti. Ma prima, un’immersione immaginata nel fasto di una residenza dell’imperatore Tiberio, “incastrata” tra la montagna brulla e il mare. Le strutture costruite dall’uomo e una grotta naturale che il gusto e la ricchezza di 2.000 anni fa hanno voluto decorare splendidamente con stucchi, affreschi, mosaici, marmi e incredibili sculture.
Mozzarella di bufala, pomodori e poco altro hanno caratterizzato il gradito pranzo, e poi ancora grandi suggestioni in una delle spiagge più belle del litorale laziale. Pareti di roccia calcarea tormentata e “scissurata”, alle quali si aggrappano pini, lentischi e innumerevoli altre essenze mediterranee. Il bagno refrigerante, il sole, la piacevole e varia compagnia, ma anche l’adrenalina della parete rocciosa all’interno di un’inaspettata grotta; e allora tutti a naso all’insù ad ammirare la perizia degli esperti e i tentativi di chi ha comunque voglia e coraggio di fare.
Insomma una piacevolissima esperienza. Non solo per ricordare, ma per continuare.

Daniela Gabarrini

Pubblicato in "Atelier Manilio", Campagna online, iniziative offline | Contrassegnato , , , , | 1 commento

Domenica 22 settembre – Escursione fra Archeologia e Natura

Domenica 22 settembre i docenti dei corsi di Escursionismo e Archeologia dell’ Università Civica “Andrea Sacchi” organizzano la visita del Museo Archeologico di Sperlonga Villa di Tiberio e a seguire una breve ma suggestiva escursione per il litorale fra Sperlonga e Gaeta. La partecipazione è aperta a tutti.

La quota di partecipazione è di 12€. Tutto il ricavato verra devoluto alla raccolta fondi attivata dall’associazione Atelier Manilio per la realizzazione dell’ “Archivio Fotografico Manilio”.

Dalla quota sono esclusi i costi dell’ingresso al museo e del pranzo.

Programma:

  • Visita della Museo/Villa di Tiberio
  • Ristoro con possibilita di degustazione delle caratteristiche Tielle di Gaeta (o chi vuole puo portarsi il pranzo da casa)
  • Breve Escursione per il litorale di Sperlonga (portate un costume da bagno!)

Partenza 8:00 dal parcheggio del Centro Commerciale “LeVele” di Nettuno.
Appuntamento alle 7:50 per riunirci con le macchine e partire tutti insieme.
Rientro previsto per le 19:00.
Equipaggiamento necessario: vestiti comodi, scarpe da ginnastica, costume da bagno, acqua.

  •  Centro Commerciale “Le Vele”, Nettuno
Pubblicato in "Atelier Manilio", Campagna online, iniziative offline | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Aggiornamenti di metà campagna

Sono passati 20 giorni dal lancio della campagna su Verkami, abbiamo consumato metà del nostro tempo. Dall’apertura abbiamo raccolto 2.247€, sommando le donazioni online e quelle ricevute attraverso i “Punti Atelier”. A breve inizieremo a trasferire quanto raccolto nelle nostre iniziative sul territorio, ma in questa seconda metà della campagna dobbiamo riuscire a fare ancora meglio se vogliamo raggiungere il traguardo di 7.600€ entro il 29 settembre.

Nei prossimi giorni caricheremo su YouTube i video che abbiamo presentato alla mostra al Forte Sangallo e pubblicheremo nuove gallery di immagini.
Aiutateci a farli girare, raccontate di noi ai vostri amici, spiegate il nostro progetto.
Anche le donazioni più piccole contano perché siamo tanti!
Per esempio, se tutti coloro che passano di qui convincessero quattro loro amici a fare una donazione di 6€ avremmo completato la raccolta in un solo colpo.

Nel frattempo ci stiamo organizzando per prossime iniziative, tra cui una nuova mostra e una visita tra archeologia e natura alla Villa di Tiberio e Grotta dell’Arenauta domenica 22 settembre. Presto pubblicheremo maggiori dettagli.

Grazie a tutti, ai grandi e ai piccoli mecenati e a tutti quelli che condividono i nostri post.
Ed eccovi il primo video.

http://youtu.be/3Ju3rQUtQy0

Pubblicato in Campagna online, video | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento